Pillole di profilo:  Parte II.

Pillole di profilo: un linguaggio semplice per capire meglio il documento. Parte II.

… 23 Novembre 2017… Continua l’attività di I.De.A. nella semplificazione del documento approvato dall’Accordo Stato Regioni. Questa volta andiamo a vedere gli articoli inerenti la formazione dell’ASO.

Artt. 2-6-7-8-9-10

Rispettando le indicazioni individuate nel documento in questione, la formazione dell’Assistente di Studio Odontoiatrico, rimane in capo alle Regioni ( come attualmente avviene ). Gli Enti del SSN        ( Sistema Sanitario Nazionale ) e quelli accreditati, continueranno ad erogare i corsi formativi, potranno aggiungersi altri Organi formatori, ma tutti dovranno attenersi alle indicazioni contenute in questo documento.

Novità introdotta è l’OBBLIGO di una Formazione Continua, sia per coloro che hanno conseguito l’Attestato, sia per i lavoratori che sono stati esentati dalla frequenza del corso formativo. Addentriamoci ora ad esaminare nello specifico quali sono le caratteristiche fin qui previste per il Corso di Formazione A.S.O.:

• Per accedere al corso viene richiesto l’adempimento degli obblighi scolastici. Occorrerà essere in possesso di un titolo di studio di scuola secondaria superiore o di una qualifica professionale triennale..

• Se il titolo di studio è stato conseguito all’estero, serve una dichiarazione di equipollenza al titolo Italiano.

• E’ infine richiesta una buona conoscenza della lingua Italiana.

E’ stabilito un monte ore MINIMO di 700 ore ( non è escluso che possano essere di più ), le quali devono essere distribuite in un intervallo temporale UGUALE O INFERIORE a 12 mesi. Le ore totali del corso, sono divise in:

• 300 ore di teoria 

• 400 ore di tirocinio

Il corso è strutturato in due moduli:

• Modulo Base,  in cui si ha maggiore predominanza della teoria e prevede: 150 ore di teoria di cui 20 di esercitazioni pratiche e 100 di tirocinio

• Modulo Professionalizzante, in cui il corsista ha già un minimo di preparazione teorica e prevede una sessione più corposa di tirocinio, ed è così suddiviso: 150 ore di teoria di cui 30 di esercitazioni pratiche e 300 di tirocinio

Come nello studio odontoiatrico ci si deve destreggiare tra area clinica e segreteria, il futuro assistente di studio odontoiatrico, nel percorso di studi si troverà a navigare tra materie riguardanti:

 Area Igienico – Sanitaria: Igiene, Ergonomia, Chimica e Microbiologia

• Area Tecnico – Operativa: Anatomia, Fisiologia, Assistenza nelle varie branche dell’odontoiatria, Primo Soccorso, Radiologia

 Area Relazionale: Problem-Solving, Etica, Customer Satisfaction,

• Area Socio – Culturale, Legislativa e Organizzativa: Legislazione Sanitaria, Fiscale, Privacy, Informatica e Elementi di Amministrazione e Contabilità

Per quanto concerne il periodo di Stage, esso può essere svolto sia presso gli studi odontoiatrici, sia presso gli enti e le strutture autorizzate in cui ovviamente è prevista la figura dell’Assistente di Studio Odontoiatrico; il tirocinante, per il periodo di stage, sarà seguito da un Tutor in possesso dei requisiti previsti dalla Regione. Alla fine del Corso di Formazione è previsto un esame finale, che prevede sia una prova teorica, sia una prova pratica per la valutazione delle competenze Tecnico–Professionali; ovviamente alla presenza di un Odontoiatra.

Considerato che la frequenza del corso è obbligatoria, il corsista che vuole essere ammesso all’esame finale, non deve aver superato il tetto massimo di assenze consentito (10 % del monte ore complessivo), in caso contrario il corso si considera interrotto, salvo casi specifici che verranno valutati da Regione e Pubblica Autorità.

L’Attestato di qualifica per Assistente di Studio Odontoiatrico sarà valido su tutto il territorio nazionale.

Seguirà  parte III…